Signorina Bleah, mister Monotonia e “La grammatica dei sapori”.

Il mio secondo nome è Signorina Bleah.
Lo devo al mio palato: Mister Monotonia.
Nonostante la nostra passione per la cucina e la voglia di sperimentare, è lui che alla fine gode maggiormente quando torniamo ai sapori genuini, ai gusti abitudinari, alla sicurezza di profumi semplici e conosciuti. Io mi adeguo spesso alla sua voglia di classicità. Devo quindi dire BLEAH a gorgonzola, radicchio, tartufo e a molto altro cibo che normalmente non mi piace. Bleah. Appunto.
Sono combattuta tra la mia voglia di sperimentare e la mia paura di osare per non rimanere poi delusa.
Ammiro molto chi azzarda combinazioni particolari, mescolando ingredienti e sapori che inizialmente sembra impensabile unire tra loro. Mi chiedo spesso quale gusto possano avere e maledico quotidianamente la mia poca audacia perché… si, sperimento, ma molto meno di quanto dovrei.

Voi fate mai abbinamenti particolari? me li confidate?

Io rido di una mia cara amica… racconta spesso di quando, da piccola, pur di farle mangiare la carne, la alternavano a cucchiai di cioccolato.
Gli altri invece ridono di me quando dico che mia sorella ed io, mangiamo le fette di formaggio spalmate di maionese. Eppure a noi sembra cosi ovvio e naturale…

In libreria ho acquistato:
LA GRAMMATICA DEI SAPORI E DELLE LORO INFINITE COMBINAZIONI di Niki Segnit, edizioni Gribaudo, 400 pagine circa. 24.00€.
Con quella meravigliosa copertina rigida, non ho potuto resistere. Ad una prima occhiata risulta come un dizionario, o meglio come un elenco. Elenco di almeno due ingredienti, tanto differenti quanto ottimi se uniti insieme. Appena l’ho visto ho deciso sarebbe stato mio, solo l’idea che potesse darmi spunti e slancio mi elettrizzava.
A casa, dopo una lettura più approfondita, posso tranquillamente dire: Si, è un buon libro. Si, sono felice di averlo nella mia libreria. Si, lo sfoglierò ancora e lo consulterò. No, non è perfetto.
Questo libro esplora gli accostamenti tra i sapori, dai più classici ai più creativi. Ci sono 99 ingredienti per circa 900 combinazioni.
Non è un libro scientifico su come sia meglio unire i vari sapori. Si tratta semplicemente del gusto personale dell’autrice e delle prove che lei ha fatto.
Mi è piaciuto, ma devo dire che mi aspettavo di più! Possibilmente qualcosa di più innovativo… penso sia risaputo da tutti che la banana sta con il cioccolato, che la menta con il limone, la cipolla con il sedano etc…
Fortunatamente mi fa scoprire anche arachidi e broccoli, anguria e mortadella, caffè e ciliegie… Per ogni ingrediente c’è una pratica spiegazione, e per ogni combinazione anche una piccola ricetta. Il problema di quest’ultima è l’approssimazione… non da dosi precise o indicazioni approfondite… ma solo spunti. Questo non mi è piaciuto. Come non mi è piaciuto il fatto che alla lunga diventa stancante e noioso. Non è quindi un libro da leggere tutto d’un fiato, ma più una rubrica da consultare, nel quale prendere qualche idea, da sfogliare se non si sa come combinare la cena con gli avanzi del frigo. Credo sia un manuale unico nel suo genere, quindi sono felice di averlo, ma allo stesso tempo, se tornassi indietro… probabilmente non lo acquisterei di nuovo.

Lettera aperta per Matt Mullenweg (il fondatore di WordPress.com)

Gente… voi come la vedete questa cosa qui? come correte ai ripari?? qualche esperto tra voi che può fare un pò di chiarezza???? io sto un pò in ansia!!!

ToxNetLab's Blog

tasti-macchina-da-scrivere

In questa settimana le pubblicazioni sul blog sono state stravolte a causa di un problema che riguarda tutti i blogger in particolare chi usa WordPress.com, stiamo parlando di Cookie Law. Visto l’assenza di risposte da parte di WordPress questo potrebbe essere uno degli ultimi post su questa piattaforma.

Prima però di chiudere i battenti e traslocare ci provo ancora e se proprio bisogna chiudere provo a farlo alla grande con una Lettera aperta a Matt Mullenweg. Per molti questo nome potrebbe non dire niente ma se hai un blog su WordPress.com (almeno fino ad oggi) lo devi a lui che è il fondatore di questa piattaforma.

Caro Matt il mio blog è aperto da oltre 6 anni e tra le tante piattaforme a disposizione, alcune anche meglio della tua, io ho scelto WordPress.com quindi ho scelto te. Voglio essere sincero la tua piattaforma ha molti limiti, quali? Il codice…

View original post 450 altre parole

Riutilizzo dei fondi di caffè!

Chi non ama risvegliarsi con l’aroma di un buon caffè, oppure prenderlo in compagni al bar non potrà trovare utile ed interessante questo articolo! Chi invece è fiero di ingurgitarlo a secchiate, come me, allora le cose che sta per leggere potrebbe conoscerle già, oppure no, e quindi trovarlo molto istruttivo. Voi in quale categoria siete?

costo del caffè

immagine presa dal web

LO SAPETE CHE: ° Il caffè è utile preso PRIMA del pisolino. Perché, al contrario di quello che si pensa, fa riposare meglio, infatti la caffeina inibisce l’adenosina, una sostanza chimica che provoca sonnolenza, l’effetto però arriva solo dopo 20 minuti circa, quindi se bevuto appena prima, si riuscirà a dormire benissimo in quella mzz’oretta dopodiché ci si risveglierà riposati, carichi e concentrati. ° Gli antiossidanti contenuti nel caffè hanno effetti protettivi contro le malattie della bocca, e aiutano la riduzione di perdita ossea parodontale. ° Per una persona sana, senza problemi di tipo cardiaco o altro, il numero di tazzine massime, consigliate giornalmente sono TRE. Se si soffre di pressione alta è il caso di gustare quello decaffeinato. ° L’arte divinatoria del leggere i fondi del caffè, rigorosamente turco o greco, ha un nome: CAFFEOMANZIA! ° Non è affatto vero che bere caffè fa rimanere piccoli. Ammettetelo: veniva detto anche a voi!

Dopo aver bevuto il vostro caffè, che fine fate fare ai fondi che vi rimangono nella moka? Curiosando qua e la ho scoperto ben 25 modi, ecologici, per il suo riutilizzo. Considerando che per ogni tazzina sono 12 gr di fondi e che in media, in un anno, una persona che lo beve abitualmente, ne accumula cosi circa 6kg, direi che un po’ di riciclo può aiutare sia noi che l’ambiente. (e non tiratevi indietro con la scusa che usate le cialde nella macchinetta… con un attimo di pazienza, questa buona polverina la si può tirare fuori anche da li).

COSMESI: Per i trattamenti di bellezza è consigliato usare i fondi più freschi, in modo da potenziarne gli effetti, considerando che più “nuovi” sono, più hanno intatte le loro proprietà. 1* IMPACCO PER CAPELLI: massaggiato e lasciato riposare per una decina di minuti, a capelli asciutti donerà un colore castano con riflessi rossi. Li rinforza e li ravviva Ovviamente è consigliato per chi ha già una tinta castana. Sconsigliato alle bionde. 2* SCRUB CORPO: mezza tazza di fondi mescolata a due cucchiai di olio d’oliva e 1 cucchiaio di zucchero di canna è diventa un ottimo esfoliante anticellulite, sotto la doccia. 3* SCRUB VISO: se usati insieme al classico sapore, diventeranno un leggero esfoliante ottimo per la pelle del viso. 4*MASCHERA VISO: se vengono mescolati a dello yogurt e a del miele saranno un’ottima maschera. Il vostro viso sarà morbidissimo. 5* ANTIACNE: una pappetta fatta con fondi e latte, lasciata agire sul viso per almeno 10 minuti, aiuta a lenire e a contrastare l’acne. Se la vostra è una pelle mista potete aggiungere anche del miele. Come per tutti i trattamenti naturali ci vuole comunque costanza e pazienza. 6* PEDILUVIO: sciolti nell’acqua tiepida donano vigore ai vostri piedi stanchi. 7*ANTIOCCHIAIE: applicarli direttamente sulle occhiaie, evitando le palpebre superiori, lasciar agire per 15 minuti e poi risciacquare con acqua tiepida. Riattiva la circolazione.

COLTIVAZIONE E FERTILIZZANTE: 8* COLTIVARE FUNGHI: in base a diversi studi, i fondi di caffè sono un utile concime per la coltivazione casalinga dei funghi. Si, perché c’è chi li coltiva in casa. Sia online che nei negozi di giardinaggio più forniti si trovano dei kit appositi. I funghi più facili da far crescere sono gli “orecchioni” o “fungo ostrica”, e sono ottimi fritti oppure arrosto. Per chi fosse maggiormente interessato a questa cosa, c’è il sito http://www.backtotheroots.com che oltre a fornirvi il kit, vi spiega tutto benissimo; ma dovete sapere l’inglese. 9* COLTIVARE CAROTE: Mescolare i semi di carota con una piccola parte di fondi le aiuterà a crescere rigogliose e darà loro maggior nutrimento. 10* FERTILIZZANTE: potete sbriciolarli direttamente sulla terra dei vostri fiori o delle vostre piante. Oppure potete diluirli nell’acqua con cui gli darete da bere. Fate attenzioni perché sono più appropriati per piante e fiori che amano i terreni acidi, tipo le rose, le azalee, i rododendri, etc…

PULIZIA: 11* SGRASSANTE NATURALE: si possono usare per scrostare le pentole. Ma non i piatti, perché se quest’ultimi sono senza patina protettiva si potrebbero macchiare e rimanere con aloni scuri. 12* RAVVIVA I MOBILI: se mescolati ad acqua tiepida e passati sui graffi dei mobili li rende molto meno visibili e ravviva i colori. 13* PULIZIA DEGLI SCARICHI: diluiti in acqua e lasciati negli scarichi per una ventina di minuti, oltre a prevenire calcare e ingorghi, contrasta i cattivi odori. 14* ASSORBIODORI: una bustina di fondi, messa nelle scarpe aiuta ad assorbire la puzza. Una tazzina messa nel frigo, possibilmente sul piano superiore, vicino alla ventola di aspirazione aiuta a contrastare gli odori dei cibi. 15* DETERGENTE: sfregati sulle mani insieme all’acqua, come fossero del normalissimo sapone, toglieranno odore di sigaretta, pesce, cipolla… e tutti quegli odori fastidiosi, difficili da togliere.

ANIMALI: 16* SMACCHIATORE: riescono a togliere l’odore di urina del gatto, dai tessuti. Basta lasciare tutto in ammollo una notte e poi lavare in modo classico. 17* ANTIPULCI: un cucchiaio nell’acqua del bagno, del vostro cane, e terrà lontane le pulci. 18* DETERRENTE: metterne un pochino su entrate di porte e finestre tiene lontano formiche e lumache.

HOBBY: 19* TINTURA: se li si fa bollire in acqua insieme ai vestiti bianchi li tinge di un piacevole marroncino. 20* CANDELE: con la polvere ben asciutta si possono creare delle candele profumate. 21* PUNTASPILLI: ben asciutti e secchi, chiusi in un sacchettino, saranno un’ottima base per i vostri spilli, che non rischieranno più la ruggine. 22* DECOUPAGE: mescolati all’acqua diventeranno un bellissimo colorante dal tono carta anticata. 23* SCRAPBOOKING: piacevole decorazione vintage per i vostri album di ricordi. 24* COMBUSTIBILE: se sparsi sopra a dei fogli di giornale che poi verranno bruciati, aiuteranno la durata del fuoco. 25* GIOCO: possono diventare del materiale modellante per giocare con i bambini: occorrono 2 tazze di farina, mezza tazza di fondi, 1 tazza di sale, 1 tazza di acqua bollente, 2 cucchiai di olio, 2 cucchiai di bicarbonato. Mescolare il tutto e lasciar riposare qualche ora. Poi ci si potrà divertire.

danbo caffè zucchero di canna